<
<
Giovanni Anselmo
Senza titolo

Giovanni Anselmo nasce a Borgofranco d’Ivrea nel 1934, vive e lavora tra Torino e l’isola di Stromboli. Formatosi da autodidatta, inizia a sperimentare il disegno e la pittura tradizionali e a svolgere contemporaneamente l’attività di grafico. Nel 1967 partecipa alla mostra ConTempL’azione presso le tre gallerie torinesi Christian Stein, Sperone, e ll Punto entrando a far parte del gruppo di artisti riuniti dal critico Germano Celant sotto la denominazione di Arte Povera. Fin dalle prime opere degli anni ’60 la sua ricerca è tesa a mettere in luce la presenza potenziale dell’invisibile nel visibile e l’energia insita nella materia attraverso accostamenti di materiali e oggetti di valenza contraria (tecnologici e naturali, pesanti e leggeri, organici e inorganici), in modo da ottenere la massima tensione dal gioco dialettico fra i diversi elementi. Ciascun lavoro di Giovanni Anselmo nasce dalla manifestazione nello spazio delle forze compresse e in divenire che gli elementi predisposti dall’artista producono incontrandosi. Lavorando a cicli tematici, dal 1979 compare il soggetto Verso oltremare che compara la leggerezza dell’oltremare con l’immobilità e solidità della pietra. Nel 1990 rappresenta l’Italia alla 44° Biennale di Venezia e riceve il Leone d’Oro per la pittura.

La sua prima mostra personale è del 1968 alla Galleria Sperone di Torino, seguita da numerose esposizioni in musei e istituzioni di tutto il mondo: Fondazione Querini Stampalia, Venezia (2017), Museo d’Arte Contemporanea Castello di Rivoli, Torino (2016), Musée d’Art Moderne et Contemporain, Saint-Étienne (2015), Museumcultuur Strombeek, Gent (2014), Kunstmuseum Winterthur (2013), MAMBO, Bologna (2006), Museum Kurhaus Kleve (2004), The Renaissance Society, Chicago (1997), Musée d’Art Moderne et Contemporain, Nizza (1996), Centro Galego de Arte Contemporanea, Santiago de Compostela (1995), Centre d’Art Contemporain, Ginevra (1993), Palais des Beaux-Arts, Bruxelles (1990), Musée d’Art Contemporain, Lione e Galleria Civica d’Arte Moderna, Modena (1989), Musée d’Art Moderne de la Ville, Parigi (1885), Musée de Grenoble, Grenoble e Stedelijk Van Abbenmuseum, Eindhoven (1980), Kunsthalle, Basilea (1979), Kabinett für aktuelle Kunst, Brema (1975), Kunstmuseum, Lucerna (1973).

Tra le più importanti mostre collettive in istituzioni, si ricordano: Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea, Roma (2017), Centre Pompidou, Parigi e Palais des Beaux-Arts, Brussels (2016), The Museum of Contemporary Art Oslo, Oslo (2015), Kunstverein, Düsseldorf (2014), MoMA, New York (2013, 2010), Kunstmuseum, Basel (2012), La Triennale, Milano e Palazzo Fortuny, Venezia (2011), Museum of Art, Philadelphia (2010), Centre d’Art Contemporain, Ginevra (2009), MART, Rovereto e Moderna Museet, Stoccolma (2008), Museum of Art, Tel Aviv (2007), Museu d’Art Contemporani, Barcellona (2006), Musée d’Art moderne de la Ville de Paris (2004), Walker Art Center, Minneapolis e MAXXI, Roma (2003), Stedelijk Museum, Amsterdam e The Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2002), Museo d’Arte Contemporanea Castello di Rivoli, Torino (2000, 1999), Musée d’Art Moderne et Contemporain, Strasburgo (1998), Palazzo delle Esposizioni, Roma (1997), Museum of Modern Art, San Francisco (1996, 1991), The Museum of Contemporary Art, Tokyo (1995), Guggenheim Museum, New York (1994), Musée d’ Art Contemporain, Montreal (1990), Neuer Berliner Kunstverein, Berlino (1989), Musée des Beaux-Arts, Nîmes (1988), Kunstverein, Francoforte (1987), Stedelijk van Abbemuseum, Eindhoven (1986), Centre Georges Pompidou, Parigi (1985), The Museum of Modern Art, New York (1984), Kunstverein, Stoccarda (1982), Museum Boymans van Beuningen, Rotterdam (1980), Stedelijk Museum, Amsterdam (1979), The Art Institute, Chicago (1977), Kunsthalle, Colonia (1974), Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (1970), Stedelijk Museum, Amsterdam (1969).

Tra le rassegne internazionali: Biennale di Venezia (2007, 1990, 1986, 1980, 1978, 1972), Biennale di San Paolo (1994), Documenta VII (1982) e V (1972), Biennale di Sydney (1976) e Biennale di Istanbul (2015).

Nel 2011 espone presso la Galleria Fumagalli a Bergamo nella mostra “Enrico Castellani, Giovanni Anselmo, Maurizio Mochetti e Maurizio Nannucci”, di cui si è pubblicato il catalogo nel 2018.