Richard Wilson

By 14 Marzo 2019 Artisti

RICHARD WILSON

RICHARD WILSON

Biografia

Richard Wilson è nato a Londra nel 1953, dove vive e lavora. Studia al London College of Printing, al Hornsey College of Art e all’Università di Reading. È uno dei più acclamati scultori inglesi per i suoi interventi spaziali che traggono ispirazione dai mondi dell’ingegneria e della costruzione. Quasi tutte le sue opere, site-specific ma riadattabili a qualunque spazio architettonico definito, esplorano la spazialità e la mutazione di materiali quotidiani: caravan collassati, taxi smontati, baracche accatastate e scale che non conducono a nulla, sono solo alcuni esempi delle creazioni dell’artista volte a riconfigurare il quotidiano e a mostrare prospettive inaspettate. I suoi assemblaggi mettono in luce l’incongruenza fra il reale e l’artificio, fra l’oggetto e la sua immagine, assicurando un effetto di spaesamento indotto dall’ambiguità tra il sentimento di familiarità e al tempo stesso di novità che rende riconoscibili, ma non del tutto, gli oggetti. Richard Wilson espone a livello nazionale e internazionale da oltre trent’anni e realizza importanti mostre museali e opere pubbliche in paesi come Giappone, Stati Uniti, Brasile, Messico, Russia, Australia e molti altri.

Richard Wilson rappresenta la Gran Bretagna alle biennali di Sydney (1992), San Paolo (1990), Venezia (1986) e alla Triennale di Yokohama (2005), è nominato al Turner Prize in due occasioni ed è insignito della prestigiosa residenza DAAD a Berlino nel 1992/3. È l’unico artista britannico invitato a partecipare all’Echigo-Tsumari Art Triennial 2000, in Giappone. Nel 2006 è eletto membro della Royal Academy e nel 2008 ottiene un dottorato onorario all’Università del Middlesex. Tra i suoi progetti più noti e significativi: 20:50, installato al M.O.N.A. Museum in Tasmania, un mare di olio catramato riflettente; A Slice of Reality opera pubblica realizzata per il sito della Millennium Dome nel 2000, una sezione verticale di una draga oceanica esposta agli effetti del tempo e della marea; Turning the Place Over, commissionata per Liverpool Capitale Europea della Cultura 2008 e attiva fino al 2011, una sezione ovoidale di 10 metri di diametro sulla facciata di un edificio ruotata tridimensionalmente su un fuso; e il più recente Slipstream realizzato nel 2014 per il Terminal 2 dell’aeroporto di Londra Heathrow, un intervento monumentale lungo 80 metri in alluminio che rappresenta il passaggio nello spazio di un oggetto in movimento.

Espone in mostre personali in istituzioni di tutto il mondo quali: Cooper Gallery, Dundee (2018), Palazzo delle Papesse – Centro d’arte contemporanea, Siena (2004), De La Warr Pavilion, Bexhill-on-Sea (2003), Talbot Rice Gallery, Edimburgo (2002), Tate Gallery, Londra (1997), MOCA, Los Angeles (1994), Kunsterhaus Bethanien, Berlino (1993), Centrum Sztuki Wspolczesnej, Varsavia e Museum of Modern Art, Oxford (1990), Kunsthallen Brandts, Odense (1989), Plymouth Arts Centre, Plymouth (1987). Tra le esposizioni collettive in istituzioni: MAXXI, Roma e Hayward Gallery, Londra (2018), Museum of Contemporary Art, Tokyo (2013), Palazzo Fabroni, Pistoia (2010), Peggy Guggenheim Collection, Venezia (2002), Victoria e Albert Museum, Londra (2001), London Institute, Londra (1998), National Gallery of Australia, Canberra (1996), Kunst-Werke Institute for Contemporary Art, Berlino (1993), The Royal Scottish Academy, Edimburgo (1987), Lehmbruch Museum (1980). La collaborazione con Galleria Fumagalli inizia nel 2005 con la partecipazione alla mostra collettiva “AAVV: 30” e prosegue nel 2007 con l’allestimento della prima personale “The Ape Piaggio” a Bergamo, seguita nel 2018 dalla seconda personale “Take an Object” nei nuovi spazi a Milano.

Visualizza curriculum →

Biografia

Richard Wilson è nato a Londra nel 1953, dove vive e lavora. Studia al London College of Printing, al Hornsey College of Art e all’Università di Reading. È uno dei più acclamati scultori inglesi per i suoi interventi spaziali che traggono ispirazione dai mondi dell’ingegneria e della costruzione. Quasi tutte le sue opere, site-specific ma riadattabili a qualunque spazio architettonico definito, esplorano la spazialità e la mutazione di materiali quotidiani: caravan collassati, taxi smontati, baracche accatastate e scale che non conducono a nulla, sono solo alcuni esempi delle creazioni dell’artista volte a riconfigurare il quotidiano e a mostrare prospettive inaspettate. I suoi assemblaggi mettono in luce l’incongruenza fra il reale e l’artificio, fra l’oggetto e la sua immagine, assicurando un effetto di spaesamento indotto dall’ambiguità tra il sentimento di familiarità e al tempo stesso di novità che rende riconoscibili, ma non del tutto, gli oggetti. Richard Wilson espone a livello nazionale e internazionale da oltre trent’anni e realizza importanti mostre museali e opere pubbliche in paesi come Giappone, Stati Uniti, Brasile, Messico, Russia, Australia e molti altri.

Richard Wilson rappresenta la Gran Bretagna alle biennali di Sydney (1992), San Paolo (1990), Venezia (1986) e alla Triennale di Yokohama (2005), è nominato al Turner Prize in due occasioni ed è insignito della prestigiosa residenza DAAD a Berlino nel 1992/3. È l’unico artista britannico invitato a partecipare all’Echigo-Tsumari Art Triennial 2000, in Giappone. Nel 2006 è eletto membro della Royal Academy e nel 2008 ottiene un dottorato onorario all’Università del Middlesex. Tra i suoi progetti più noti e significativi: 20:50, installato al M.O.N.A. Museum in Tasmania, un mare di olio catramato riflettente; A Slice of Reality opera pubblica realizzata per il sito della Millennium Dome nel 2000, una sezione verticale di una draga oceanica esposta agli effetti del tempo e della marea; Turning the Place Over, commissionata per Liverpool Capitale Europea della Cultura 2008 e attiva fino al 2011, una sezione ovoidale di 10 metri di diametro sulla facciata di un edificio ruotata tridimensionalmente su un fuso; e il più recente Slipstream realizzato nel 2014 per il Terminal 2 dell’aeroporto di Londra Heathrow, un intervento monumentale lungo 80 metri in alluminio che rappresenta il passaggio nello spazio di un oggetto in movimento.

Espone in mostre personali in istituzioni di tutto il mondo quali: Cooper Gallery, Dundee (2018), Palazzo delle Papesse – Centro d’arte contemporanea, Siena (2004), De La Warr Pavilion, Bexhill-on-Sea (2003), Talbot Rice Gallery, Edimburgo (2002), Tate Gallery, Londra (1997), MOCA, Los Angeles (1994), Kunsterhaus Bethanien, Berlino (1993), Centrum Sztuki Wspolczesnej, Varsavia e Museum of Modern Art, Oxford (1990), Kunsthallen Brandts, Odense (1989), Plymouth Arts Centre, Plymouth (1987). Tra le esposizioni collettive in istituzioni: MAXXI, Roma e Hayward Gallery, Londra (2018), Museum of Contemporary Art, Tokyo (2013), Palazzo Fabroni, Pistoia (2010), Peggy Guggenheim Collection, Venezia (2002), Victoria e Albert Museum, Londra (2001), London Institute, Londra (1998), National Gallery of Australia, Canberra (1996), Kunst-Werke Institute for Contemporary Art, Berlino (1993), The Royal Scottish Academy, Edimburgo (1987), Lehmbruch Museum (1980). La collaborazione con Galleria Fumagalli inizia nel 2005 con la partecipazione alla mostra collettiva “AAVV: 30” e prosegue nel 2007 con l’allestimento della prima personale “The Ape Piaggio” a Bergamo, seguita nel 2018 dalla seconda personale “Take an Object” nei nuovi spazi a Milano.

Visualizza curriculum →

Opere

Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018. Compensato, 210x240x64 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018
Compensato, 210x240x64 cm
Richard Wilson, Shells, 2018. Struttura di batteria, compensato, viti in metallo, 105x150x130 cm
Richard Wilson, Shells, 2018
Struttura di batteria, compensato, viti in metallo, 105x150x130 cm
Richard Wilson, Direct Debit Sculpture, 2018. Carta di debito in plastica, compensato, 130x56x53 cm
Richard Wilson, Direct Debit Sculpture, 2018
Carta di debito in plastica, compensato, 130x56x53 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018. Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018
Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018. Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018
Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018. Collage su carta, 48x67 cm
Richard Wilson, Stealing Space Compressed, 2018
Collage su carta, 48x67 cm
Richard Wilson, Shells, 2018. Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Shells, 2018
Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Shells, 2018 (2)
Richard Wilson, Shells, 2018
Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Still Life Jug, 2017. Collage su carta, 48x67 cm
Richard Wilson, Still Life Jug, 2017
Collage su carta, 48x67 cm
Richard Wilson, Direct Debit, 2018. Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Direct Debit, 2018
Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Direct Debit, 2018. Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Direct Debit, 2018
Collage su carta, 67x48 cm
Richard Wilson, Traps, 2009. Set batteria
Richard Wilson, Traps Sculpture, 2009
Set batteria

Opere

Press

publicdelivery.org

2015
“Is this Bus falling of a Roof?”

Leggi Articolo  →

Wallpaper

Giugno 2014
“Flight Path”

Leggi Articolo  →

Architectural Design Magazine

Febbraio 2013
“Tripping the Flight Fantastic”

Leggi Articolo  →

The Telegraph

Maggio 2012
“Richard Wilson: in the Studio”

Leggi Articolo  →

frieze.com

Novembre 2008
“Liverpool Biennial”

Leggi Articolo  →

The Guardian

Marzo 2003
“Magnificient Man and his Flying Machine”

Leggi Articolo  →

Press

publicdelivery.org

2015
“Is this Bus falling of a Roof?”

Leggi Articolo  →

Wallpaper

Giugno 2014
“Flight Path”

Leggi Articolo  →

Architectural Design Magazine

Febbraio 2013
“Tripping the Flight Fantastic”

Leggi Articolo  →

The Telegraph

Maggio 2012
“Richard Wilson: in the Studio”

Leggi Articolo  →

frieze.com

Novembre 2008
“Liverpool Biennial”

Leggi Articolo  →

The Guardian

Marzo 2003
“Magnificient Man and his Flying Machine”

Leggi Articolo  →

Mostre

MOSTRE PERSONALI

RICHARD WILSON
Take an Object

Inaugurazione 10 maggio 2018
Dall’11 maggio al 21 luglio 2018

Vai a mostra  →

RICHARD WILSON
The Ape Piaggio

Inaugurazione 20 ottobre 2007
Dal 23 ottobre 2007 al 31 gennaio 2008

Vai a mostra  →

MOSTRE COLLETTIVE

SWITCH ON

Inaugurazione 4 ottobre 2012
Dal 5 ottobre al 15 novembre 2012

Vai a mostra  →

AAVV:30

Inaugurazione 27 novembre 2004
Dal 30 novembre 2004 al 30 gennaio 2005

Vai a mostra  →

Mostre

MOSTRE PERSONALI

RICHARD WILSON
Take an Object

Inaugurazione 10 maggio 2018
Dall’11 maggio al 21 luglio 2018

Vai a mostra  →

RICHARD WILSON
The Ape Piaggio

Inaugurazione 20 ottobre 2007
Dal 23 ottobre 2007 al 31 gennaio 2008

Vai a mostra  →

MOSTRE COLLETTIVE

SWITCH ON

Inaugurazione 4 ottobre 2012
Dal 5 ottobre al 15 novembre 2012

Vai a mostra  →

AAVV:30

Inaugurazione 27 novembre 2004
Dal 30 novembre 2004 al 30 gennaio 2005

Vai a mostra  →

Istituzioni

Richard Wilson

Slipstream (2014). Installazione permanente, Terminal 2 Heathrow Airport, London, UK
Foto: David Levene

Richard Wilson

Square the Block (2009)
London School of Economics, UK

Richard Wilson

Turning The Place Over (2008)
Year of Culture, Liverpool, UK

Richard Wilson

Butterfly (2003)
Wapping Project, London

Richard Wilson

20:50 (1991)
Saatchi Gallery, London, UK

Istituzioni

Richard Wilson

Slipstream (2014). Installazione permanente, Terminal 2 Heathrow Airport, London, UK
Foto: David Levene

Richard Wilson

Square the Block (2009)
London School of Economics, UK

Richard Wilson

Turning The Place Over (2008)
Year of Culture, Liverpool, UK

Richard Wilson

Butterfly (2003).
Wapping Project, London

Richard Wilson

20:50 (1991)
Saatchi Gallery, London, UK

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Reply