Marco Tirelli

By 14 Settembre 2018 Artisti

MARCO TIRELLI

MARCO TIRELLI

Biografia

Marco Tirelli nasce a Roma nel 1956, vive e lavora tra Roma e Spoleto. Frequenta l’Accademia di Belle Arti diplomandosi nel corso di scenografia con Toti Scialoja e inizia a esporre le proprie opere all’inizio degli anni ’80, ponendosi come ponte tra la cultura astratta europea e la tradizione metafisica italiana. Nel 1982 Achille Bonito Oliva lo inserisce fra gli artisti presenti nel volume “Transavanguardia Internazionale. La mostra Ateliers”, mostra allestita nell’ex Pastificio Cerere nel quartiere romano di San Lorenzo, che sancisce la nascita del gruppo della “Nuova scuola romana” composto da Marco Tirelli, Nunzio, Piero Pizzi Cannella, Bruno Ceccobelli e Giuseppe Gallo. La pittura di Marco Tirelli è frutto di un processo intellettuale che, partendo dalla registrazione di dati reali, arriva a distillare forme pure e allusioni a luoghi immaginari. La forma rimane sempre in bilico tra riconoscibilità e astrazione, mentre luce e ombra segnano la misteriosa esperienza del limite della percezione.

L’opera di Marco Tirelli è esposta in importanti istituzioni internazionali, tra le mostre personali: Palazzi Comunali, Todi (2017), MAMC, Saint-Etienne Métropole (2016), Fondazione Pescheria-Centro Arti Visive, Pesaro (2014), Auditorium Parco della Musica, Roma e Istituto Nazionale per la Grafica, Roma (2013), MACRO Testaccio, Roma e Pinacoteca Nazionale, Bologna (2012), Palazzo Fortuny, Venezia (2010), Collezione Gori/Fattoria di Celle, Pistoia (2009), Casa del Cinema, Roma (2007), Galleria d’Arte Moderna, Bologna (2003), Institut Mathildenhöhe, Darmstadt (2002), Galleria d’Arte Moderna, Torino (1998), Galleria Civica, Modena (1992, 1990), American Academy, Roma (1990). Tra le collettive: Parkview Green Museum, Beijing (2018), MACRO, Roma (2017), MAMbo, Bologna (2013), Museo Pecci, Milano (2012), Museum am Dom, Würzburg (2011), MAXXI, Roma (2010), MART, Rovereto (2009), Neue Galerie Graz (2008), Musei Capitolini, Roma (2007), La Triennale, Milano (2006), GNAM, Roma (2004),

Parlamento Europeo, Bruxelles (2003), Palazzo delle Esposizioni, Roma (2001), GAM, Torino (2000), Drawing Center, New York e Hammer Museum of Art, Los Angeles (1999), Palazzo Bagatti Valsecchi, Milano (1997), Museum of Contemporary Art, New York (1994), Kunsthalle, Francoforte (1993), Museo de Arte Contemporaneo, Caracas (1992), Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig, Vienna (1991), Museum of Modern Art, Tel Aviv (1989), Centre National d’Art Contemporain, Nizza (1985). Marco Tirelli partecipa a importanti rassegne internazionali, quali: Biennale di Venezia (2013, 1990), Quadriennale di Roma (1996, 1986), Biennale di San Paolo (1991), Biennale di Sydney (1990). La sua collaborazione con Galleria Fumagalli inizia nel 2002 seguita l’anno seguente dalla prima mostra personale e dalla pubblicazione di una monografia di oltre 300 pagine, con testi di Klaus Wolbert, Peter Weiermaier e Giorgio Verzotti, pubblicata in occasione delle esposizioni all’Institute Mathildenhöe di Darmstadt e alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna.

Visualizza curriculum →

Biografia

Marco Tirelli nasce a Roma nel 1956, vive e lavora tra Roma e Spoleto. Frequenta l’Accademia di Belle Arti diplomandosi nel corso di scenografia con Toti Scialoja e inizia a esporre le proprie opere all’inizio degli anni ’80, ponendosi come ponte tra la cultura astratta europea e la tradizione metafisica italiana. Nel 1982 Achille Bonito Oliva lo inserisce fra gli artisti presenti nel volume “Transavanguardia Internazionale. La mostra Ateliers”, mostra allestita nell’ex Pastificio Cerere nel quartiere romano di San Lorenzo, che sancisce la nascita del gruppo della “Nuova scuola romana” composto da Marco Tirelli, Nunzio, Piero Pizzi Cannella, Bruno Ceccobelli e Giuseppe Gallo. La pittura di Marco Tirelli è frutto di un processo intellettuale che, partendo dalla registrazione di dati reali, arriva a distillare forme pure e allusioni a luoghi immaginari. La forma rimane sempre in bilico tra riconoscibilità e astrazione, mentre luce e ombra segnano la misteriosa esperienza del limite della percezione.

L’opera di Marco Tirelli è esposta in importanti istituzioni internazionali, tra le mostre personali: Palazzi Comunali, Todi (2017), MAMC, Saint-Etienne Métropole (2016), Fondazione Pescheria-Centro Arti Visive, Pesaro (2014), Auditorium Parco della Musica, Roma e Istituto Nazionale per la Grafica, Roma (2013), MACRO Testaccio, Roma e Pinacoteca Nazionale, Bologna (2012), Palazzo Fortuny, Venezia (2010), Collezione Gori/Fattoria di Celle, Pistoia (2009), Casa del Cinema, Roma (2007), Galleria d’Arte Moderna, Bologna (2003), Institut Mathildenhöhe, Darmstadt (2002), Galleria d’Arte Moderna, Torino (1998), Galleria Civica, Modena (1992, 1990), American Academy, Roma (1990). Tra le collettive: Parkview Green Museum, Beijing (2018), MACRO, Roma (2017), MAMbo, Bologna (2013), Museo Pecci, Milano (2012), Museum am Dom, Würzburg (2011), MAXXI, Roma (2010), MART, Rovereto (2009), Neue Galerie Graz (2008), Musei Capitolini, Roma (2007), La Triennale, Milano (2006), GNAM, Roma (2004),

Parlamento Europeo, Bruxelles (2003), Palazzo delle Esposizioni, Roma (2001), GAM, Torino (2000), Drawing Center, New York e Hammer Museum of Art, Los Angeles (1999), Palazzo Bagatti Valsecchi, Milano (1997), Museum of Contemporary Art, New York (1994), Kunsthalle, Francoforte (1993), Museo de Arte Contemporaneo, Caracas (1992), Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig, Vienna (1991), Museum of Modern Art, Tel Aviv (1989), Centre National d’Art Contemporain, Nizza (1985). Marco Tirelli partecipa a importanti rassegne internazionali, quali: Biennale di Venezia (2013, 1990), Quadriennale di Roma (1996, 1986), Biennale di San Paolo (1991), Biennale di Sydney (1990). La sua collaborazione con Galleria Fumagalli inizia nel 2002 seguita l’anno seguente dalla prima mostra personale e dalla pubblicazione di una monografia di oltre 300 pagine, con testi di Klaus Wolbert, Peter Weiermaier e Giorgio Verzotti, pubblicata in occasione delle esposizioni all’Institute Mathildenhöe di Darmstadt e alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna.

Visualizza curriculum →

Opere

Marco Tirelli, Polittico, 2003. Tempera su 13 tavole, 238x186 cm
Marco Tirelli, Polittico, 2003
Tempera su 13 tavole, 238×186 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007. Carboni e tempera su carta, 75x55 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007
Carboni e tempera su carta, 75×55 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007. Carboni e tempera su carta, 75x55 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007
Carboni e tempera su carta, 75×55 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007. Carboni e tempera su carta, 150x115 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007
Carboni e tempera su carta, 150×115 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007. Carboni e tempera su carta, 150x115 cm
Marco Tirelli, Senza titolo, 2007
Carboni e tempera su carta, 150×115 cm

Opere

Mostre

MOSTRE PERSONALI

MARCO TIRELLI

Inaugurazione 15 febbraio 2003
Dal 18 febbraio al 28 marzo 2003

Vai a mostra  →

MOSTRE COLLETTIVE

Visioni. 20 artisti a Sant’Agostino

Inaugurazione 8 aprile 2005
Dal 9 aprile all’11 giugno 2005

Vai a mostra  →

AAVV:30

Inaugurazione 27 novembre 2004
Dal 30 novembre 2004 al 20 gennaio 2005

Vai a mostra  →

Mostre

MOSTRE PERSONALI

MARCO TIRELLI

Inaugurazione 15 febbraio 2003
Dal 18 febbraio al 28 marzo 2003

Vai a mostra  →

MOSTRE COLLETTIVE

Visioni. 20 artisti a Sant’Agostino

Inaugurazione 8 aprile 2005
Dal 9 aprile all’11 giugno 2005

Vai a mostra  →

AAVV:30

Inaugurazione 27 novembre 2004
Dal 30 novembre 2004 al 20 gennaio 2005

Vai a mostra  →

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Reply