Thorsten Brinkmann

By 16 Giugno 2016 Artisti

THORSTEN BRINKMANN

THORSTEN BRINKMANN

Biografia

Thorsten Brinkmann nasce nel 1971 a Herne, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, e dal 1996 vive ad Amburgo. Dal 1994 al 1997 studia comunicazione visiva all’istituto d’arte di Kassel, per poi proseguire gli studi presso l’Università di Belle Arti di Amburgo, prima come studente di Bernhard Blume (1997-2002) e poi di Franz Erhard Walther (2002-04). Brinkmann affronta con fantasia e ironia il rapporto tra l’uomo contemporaneo e il suo tempo presente e passato. Tale ricerca si manifesta in una giocosa riflessione sulla società e sulla nostra cultura storico-artistica: attraverso sorprendenti combinazioni di oggetti quotidiani, materiali di scarto e riferimenti alla storia dell’arte, l’artista offre una nuova e ironica lettura dei tradizionali generi artistici. Nelle sue fotografie, installazioni e video, Thorsten Brinkmann presenta, ad esempio, il genere classico del ritratto occultando però i volti dei soggetti con paralumi, vasi di fiori, secchi malconci o borsette di pelle borchiata.

Nelle nature morte materializza gli oggetti raffigurati abbinando ready-made e collage, con chiaro riferimento alle creazioni Dada e dei Nouveaux réalistes. Così facendo, l’artista si interroga sulla coesione e sulle interrelazioni esistenti tra generi, oggetti e periodi storici. Le opere di Brinkmann sono state esposte in numerose istituzioni in tutto il mondo: Design Museum, Gent (2020); Gemeentemuseum, L’Aia (2018); Centre Photographique, Rouen (2018); Deutsches Hygiene-Museum, Dresda (2017); Schirn Kunsthalle Frankfurt, Francoforte (2016); Hamburger Kunsthalle, Amburgo (2016/18); Rice Art Gallery, Houston (2016); Falckenberg Collection – Deichtorhallen Hamburg (2015), Museo Nazionale, Poznan (2014); Kunsthalle Bremerhaven (2013); Museo National de San Carlos, Città del Messico (2012); Warhol Museum, Pittsburgh (2012); Kunsthalle zu Kiel (2011); Kolbe Museum, Berlino (2010); ICP, New York (2009).

Opere di Brinkmann si trovano in collezioni private e pubbliche come l’Hamburger Kunsthalle, la Kunsthalle zu Kiel, il Gemeentemuseum a L’Aia, il Museo National de San Carlos a Città del Messico, il Museum der Moderne a Salisburgo e il Fotomuseum Winterthur. Nel 2013 a Pittsburgh ha ricostruito un’intera casa per un collezionista privato, “La Huette Royal”. Dal 2021 è rappresentato in Italia esclusivamente dalla Galleria Fumagalli di Milano, che lo invita a presentare una selezione di opere fotografiche e scultoree a Miart – Fiera Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Milano (17 – 19 settembre 2021). L’artista è inoltre incluso, come speciale nuova proposta, nel programma espositivo MY30YEARS – Coherency in Diversity ideato dal critico Lóránd Hegyi per omaggiare i 30 anni di carriera di Annamaria Maggi alla guida della Galleria Fumagalli.

Vai al sito dell’artista →

Biografia

Thorsten Brinkmann nasce nel 1971 a Herne, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, e dal 1996 vive ad Amburgo. Dal 1994 al 1997 studia comunicazione visiva all’istituto d’arte di Kassel, per poi proseguire gli studi presso l’Università di Belle Arti di Amburgo, prima come studente di Bernhard Blume (1997-2002) e poi di Franz Erhard Walther (2002-04). Brinkmann affronta con fantasia e ironia il rapporto tra l’uomo contemporaneo e il suo tempo presente e passato. Tale ricerca si manifesta in una giocosa riflessione sulla società e sulla nostra cultura storico-artistica: attraverso sorprendenti combinazioni di oggetti quotidiani, materiali di scarto e riferimenti alla storia dell’arte, l’artista offre una nuova e ironica lettura dei tradizionali generi artistici. Nelle sue fotografie, installazioni e video, Thorsten Brinkmann presenta, ad esempio, il genere classico del ritratto occultando però i volti dei soggetti con paralumi, vasi di fiori, secchi malconci o borsette di pelle borchiata.

Nelle nature morte materializza gli oggetti raffigurati abbinando ready-made e collage, con chiaro riferimento alle creazioni Dada e dei Nouveaux réalistes. Così facendo, l’artista si interroga sulla coesione e sulle interrelazioni esistenti tra generi, oggetti e periodi storici. Le opere di Brinkmann sono state esposte in numerose istituzioni in tutto il mondo: Design Museum, Gent (2020); Gemeentemuseum, L’Aia (2018); Centre Photographique, Rouen (2018); Deutsches Hygiene-Museum, Dresda (2017); Schirn Kunsthalle Frankfurt, Francoforte (2016); Hamburger Kunsthalle, Amburgo (2016/18); Rice Art Gallery, Houston (2016); Falckenberg Collection – Deichtorhallen Hamburg (2015), Museo Nazionale, Poznan (2014); Kunsthalle Bremerhaven (2013); Museo National de San Carlos, Città del Messico (2012); Warhol Museum, Pittsburgh (2012); Kunsthalle zu Kiel (2011); Kolbe Museum, Berlino (2010); ICP, New York (2009).

Opere di Brinkmann si trovano in collezioni private e pubbliche come l’Hamburger Kunsthalle, la Kunsthalle zu Kiel, il Gemeentemuseum a L’Aia, il Museo National de San Carlos a Città del Messico, il Museum der Moderne a Salisburgo e il Fotomuseum Winterthur. Nel 2013 a Pittsburgh ha ricostruito un’intera casa per un collezionista privato, “La Huette Royal”. Dal 2021 è rappresentato in Italia esclusivamente dalla Galleria Fumagalli di Milano, che lo invita a presentare una selezione di opere fotografiche e scultoree a Miart – Fiera Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Milano (17 – 19 settembre 2021). L’artista è inoltre incluso, come speciale nuova proposta, nel programma espositivo MY30YEARS – Coherency in Diversity ideato dal critico Lóránd Hegyi per omaggiare i 30 anni di carriera di Annamaria Maggi alla guida della Galleria Fumagalli.

Vai al sito dell’artista →

Opere

Thorsten Brinkmann, Grand Duc Vasario, 2012
C-print, 193x147x6 cm, Ed. 4/5 + 2 AP
Leonelle D`Ohro, C-Print, 2009, 149 x 199 cm,©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Leonelle D’Ohro, 2009
C-print, 195x148x6 cm, 1/2 AP + 5 edizioni
Venus la Shade, 2015, c_Print, 200 x 150 cm ©©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Venus la Shade, 2015
C-print, 148x195x5 cm, Ed. 4/5 + 2 AP
Reginald v.Eckhelm, 2010, C- Print, 170 x 130 cm_©Thorsten Brinkman 2020
Thorsten Brinkmann, Reginald v. Eckhelm, 2010
C-print, 167,5x126x5 cm, 1/2 AP + 5 edizioni
De Beul, 2019, C-Print, 127 x 95 cm©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, De Beul, 2019
C-print, 130x98x5 cm, Ed. 4/5 + 2 AP
Ovelia, 2020, C-Print, 80 x 60 cm©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Ovelia, 2020
C-print, 88x67x4 cm, Ed. 3/5 + 2 AP
Della Peaky, 2021, C-Print, 84 x 63 cm ©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Della Peaky, 2021
C-print, 88x67x4 cm, Ed. 1/5 + 2 AP
Telmche, 2021, C-Print, 72 x 54 cm ©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Telmche, 2021
C-print, 75x56x4 cm, Ed. 2/5 + 2 AP
Van Broka, 2019, C-Print, 72 x 54 cm©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Van Broka, 2019
C-print, 75x56x4 cm, Ed. 2/5 + 2 AP
SUPRA, 2015, C_Print, found objects, carpet, 290 x 240 x 15 cm, unique©©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, SUPRA, 2015
C-print, oggetti, tappeto antico, 295x230x7 cm
brinkmann_alex du horse
Thorsten Brinkmann, Alex dü Horse, 2021
C-print, oggetti, tappeto antico, 280x200x8 cm
De Schimmla, 2018, C-Print, found objects, colour, 195 x 137 x 6 cm, unique
Thorsten Brinkmann, De Schimmla, 2018
C-print, pannello di legno, tenda, oggetto blu, 225x141x15 cm
Copyright 2020 Armellin F.
Thorsten Brinkmann, Mdm Blême Blême, 2019/2021
C-print, oggetti, lampada, 270x127x45 cm
brinkmann_Basini (Assemblage)
Thorsten Brinkmann, Basini, 2014
C-print, oggetti, tenda, 250x110x20 cm
Platanius, 2019, c_print + Found objects, 55 x 50 x 16 cm, unique©©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Platanius, 2019
C-print, oggetti, 55x53x16 cm
Enn Divie, 2008, C-Print ©Brinkmann
Thorsten Brinkmann, Enn Divie, 2008
C-print, 54,5x42x2,5 cm, Ed. 5/5 + 2 AP
©LucreziaRoda_Galleria_Fumagalli_OPERE_SINGOLE_WEB_Non-scontornate_005
Thorsten Brinkmann, Leela Gordoma, 2007
C-print, 49x38x2,5 cm, 1/2 AP + 5 edizioni
NackiNu, 2019, C-Print + found objekt, 55 x 70 cm Edition 1_5 + 2 AP ©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, NackiNu, 2019
C-print, oggetti, 80x60x6 cm, Ed. 4/5
Moustacho, 2020, C-Print + found object, 58,5 x 44 cm , unique_Brinkmann
Thorsten Brinkmann, Moustacho, 2020
C-print, oggetti, 58,5x44x6 cm
Marmelo, 2019, C_Print + found object, 30 x 40 cm, unique_©Thorsten Brinkman
Thorsten Brinkmann, Marmelo, 2019
C-print, oggetti, 31,5x41,5x4 cm

Opere

Thorsten Brinkmann, Grand Duc Vasario, 2012. C-print, 193x147x6 cm, Ed. 4/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Grand Duc Vasario, 2012. C-print, 193x147x6 cm, Ed. 4/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Leonelle D’Ohro, 2009. C-print, 195x148x6 cm, 1/2 AP + 5 edizioni

Thorsten Brinkmann, Leonelle D’Ohro, 2009. C-print, 195x148x6 cm, 1/2 AP + 5 edizioni

Thorsten Brinkmann, Venus la Shade, 2015. C-print, 148x195x5 cm, Ed. 4/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Venus la Shade, 2015. C-print, 148x195x5 cm, Ed. 4/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Reginald v. Eckhelm, 2010. C-print, 167,5x126x5 cm, 1/2 AP + 5 edizioni

Thorsten Brinkmann, Reginald v. Eckhelm, 2010. C-print, 167,5x126x5 cm, 1/2 AP + 5 edizioni

Thorsten Brinkmann, De Beul, 2019. C-print, 130x98x5 cm, Ed. 4/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, De Beul, 2019. C-print, 130x98x5 cm, Ed. 4/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Ovelia, 2020. C-print, 88x67x4 cm, Ed. 3/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Ovelia, 2020. C-print, 88x67x4 cm, Ed. 3/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Della Peaky, 2021. C-print, 88x67x4 cm, Ed. 1/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Della Peaky, 2021. C-print, 88x67x4 cm, Ed. 1/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Telmche, 2021. C-print, 75x56x4 cm, Ed. 2/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Telmche, 2021. C-print, 75x56x4 cm, Ed. 2/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Van Broka, 2019. C-print, 75x56x4 cm, Ed. 2/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Van Broka, 2019. C-print, 75x56x4 cm, Ed. 2/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, SUPRA, 2015. C-print, oggetti, tappeto antico, 295x230x7 cm

Thorsten Brinkmann, SUPRA, 2015. C-print, oggetti, tappeto antico, 295x230x7 cm

Thorsten Brinkmann, Alex dü Horse, 2021. C-print, oggetti, tappeto antico, 280x200x8 cm

Thorsten Brinkmann, Alex dü Horse, 2021. C-print, oggetti, tappeto antico, 280x200x8 cm

Thorsten Brinkmann, De Schimmla, 2018. C-print, pannello di legno, tenda, oggetto blu, 225x141x15 cm

Thorsten Brinkmann, De Schimmla, 2018. C-print, pannello di legno, tenda, oggetto blu, 225x141x15 cm

Thorsten Brinkmann, Mdm Blême Blême, 2019/2021. C-print, oggetti, lampada, 270x127x45 cm

Thorsten Brinkmann, Mdm Blême Blême, 2019/2021. C-print, oggetti, lampada, 270x127x45 cm

Thorsten Brinkmann, Basini, 2014. C-print, oggetti, tenda, 250x110x20 cm

Thorsten Brinkmann, Basini, 2014. C-print, oggetti, tenda, 250x110x20 cm

Thorsten Brinkmann, Platanius, 2019. C-print, oggetti, 55x53x16 cm

Thorsten Brinkmann, Platanius, 2019. C-print, oggetti, 55x53x16 cm

Thorsten Brinkmann, Enn Divie, 2008. C-print, 54,5x42x2,5 cm, Ed. 5/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Enn Divie, 2008. C-print, 54,5x42x2,5 cm, Ed. 5/5 + 2 AP

Thorsten Brinkmann, Leela Gordoma, 2007. C-print, 49x38x2,5 cm, 1/2 AP + 5 edizioni

Thorsten Brinkmann, Leela Gordoma, 2007. C-print, 49x38x2,5 cm, 1/2 AP + 5 edizioni

Thorsten Brinkmann, NackiNu, 2019. C-print, oggetti, 80x60x6 cm, Ed. 4/5

Thorsten Brinkmann, NackiNu, 2019. C-print, oggetti, 80x60x6 cm, Ed. 4/5

Thorsten Brinkmann, Moustacho, 2020. C-print, oggetti, 58,5x44x6 cm

Thorsten Brinkmann, Moustacho, 2020. C-print, oggetti, 58,5x44x6 cm

Thorsten Brinkmann, Marmelo, 2019. C-print, oggetti, 31,5x41,5x4 cm

Thorsten Brinkmann, Marmelo, 2019. C-print, oggetti, 31,5x41,5x4 cm

Mostre

MOSTRE COLLETTIVE

Ambiguity of the Objects

Inaugurazione 19 maggio 2022
Dal 20 maggio al 29 luglio 2022

Vai a mostra  →

Ironia – Temporalità – Déplacement

Inaugurazione 17 novembre 2021
Dal 18 novembre 2021 al 4 febbraio 2022

Vai a mostra  →

Mostre

MOSTRE COLLETTIVE

Ambiguity of the Objects

Inaugurazione 19 maggio 2022
Dal 20 maggio al 29 luglio 2022

Vai a mostra  →

Ironia – Temporalità – Déplacement

Inaugurazione 17 novembre 2021
Dal 18 novembre 2021 al 4 febbraio 2022

Vai a mostra  →

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Reply