Maurizio Nannucci

By 14 Settembre 2017 Artisti

MAURIZIO NANNUCCI

MAURIZIO NANNUCCI

Biografia

Sin dalla metà degli anni Sessanta, Maurizio Nannucci (Firenze 1939) esplora il rapporto tra linguaggio, scrittura e immagine creando inedite proposte concettuali caratterizzate dall’utilizzo di media diversi: neon, fotografia, video, suono, edizioni e libri d’artista. Sviluppa un approccio interdisciplinare alle pratiche artistiche avviando una rete di dialogo tra arte, poesia e architettura. Sono del 1967 le prime “scritte” al neon che apportano al suo lavoro una nuova dimensione di significati in relazione allo spazio. Con le sue installazioni luminose, l’artista situa le immagini-parole in un circuito fluido che attraversa il colore, il segno e il significato. L’utilizzo di tubi di vetro colorati e lampade al neon intensifica la percezione visiva e la diversità delle configurazioni luminose stimola una nuova interpretazione del linguaggio e del contesto spaziale. Dal 1974 al 1985 promuove le attività di Zona non-profit art space a Firenze e nel 1998 è tra i fondatori di Base/Progetti per l’arte. Maurizio Nannucci è fondatore di Zona Archives, Recorthings ed Exempla editions, svolgendo, ancora oggi, un’intensa attività editoriale pubblicando libri e dischi d’artista, multipli e documenti di altri artisti.

Nei primi anni Novanta avvia collaborazioni con architetti come Fritz Auer, Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Mario Botta, Nicolas Grimshaw e Stephan Braunfels, e realizza numerosi progetti per edifici pubblici. Nel 2015 il Maxxi di Roma gli dedica una grande antologica, preceduta dalle più recenti mostre personali a: Museion, Bolzano (2015), Musée d’art moderne et contemporain, Saint-Étienne (2012), Galleria degli Uffizi, Firenze (2010), Palazzo della Triennale, Milano (2006), Altes Museum, Berlino (2005), Mamco, Ginevra (1999) e Lenbachhaus, München (1991). Le sue opere sono presentate in oltre trecento tra musei e gallerie e fanno parte di collezioni internazionali come: Fondazione Peggy Guggenheim, Venezia; Städtische Galerie im Lenbachhaus, München; Berliner Museen, Berlino; Kunstsammlung des Deutscheb Bundestages, Berlino; Museum of Fine Arts, Boston; The Parkview Museum, Singapore; Cnap, Centre National des Arts Plastiques, Parigi & Metz; Maxxi, Roma.

Tra le collettive in istituzioni degli ultimi anni: MAMAC, Nizza (2018), The Parkview Museum, Singapore (2017), MAMCO, Ginevra (2017), Neue Galerie, Graz (2016), Kunsthalle di Vienna (2015), Kiasma, Helsinki (2014), Aros Kunstmuseum, Aarhus (2013), La Maison Rouge Parigi, Museum of Contemporary Art, Shanghai e Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid (2010). Maurizio Nannucci è più volte invitato alle Biennali d’Arte e di Architettura di Venezia (2011, 2000, 1995, 1990, 1978, 1969), a Documenta di Kassel (1987, 1977), alle Biennali di San Paolo (1981), Sydney (1990, 1982), Istanbul (1995) e Valencia (2003). La prima mostra personale alla Galleria Fumagalli di Bergamo dedicata a Maurizio Nannucci dal titolo “Neon Words” inaugura nel 2005. Nel 2011 espone nella mostra da lui concepita “ACMN. Giovanni Anselmo, Enrico Castellani, Maurizio Mochetti e Maurizio Nannucci”, di cui è stato pubblicato il catalogo nel 2018. È del 2017 la sua seconda personale alla Galleria Fumagalli, “What to see what not to see”, nel nuovo spazio espositivo di Milano.

Visualizza curriculum →

Biografia

Sin dalla metà degli anni Sessanta, Maurizio Nannucci (Firenze 1939) esplora il rapporto tra linguaggio, scrittura e immagine creando inedite proposte concettuali caratterizzate dall’utilizzo di media diversi: neon, fotografia, video, suono, edizioni e libri d’artista. Sviluppa un approccio interdisciplinare alle pratiche artistiche avviando una rete di dialogo tra arte, poesia e architettura. Sono del 1967 le prime “scritte” al neon che apportano al suo lavoro una nuova dimensione di significati in relazione allo spazio. Con le sue installazioni luminose, l’artista situa le immagini-parole in un circuito fluido che attraversa il colore, il segno e il significato. L’utilizzo di tubi di vetro colorati e lampade al neon intensifica la percezione visiva e la diversità delle configurazioni luminose stimola una nuova interpretazione del linguaggio e del contesto spaziale. Dal 1974 al 1985 promuove le attività di Zona non-profit art space a Firenze e nel 1998 è tra i fondatori di Base/Progetti per l’arte. Maurizio Nannucci è fondatore di Zona Archives, Recorthings ed Exempla editions, svolgendo, ancora oggi, un’intensa attività editoriale pubblicando libri e dischi d’artista, multipli e documenti di altri artisti.

Nei primi anni Novanta avvia collaborazioni con architetti come Fritz Auer, Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Mario Botta, Nicolas Grimshaw e Stephan Braunfels, e realizza numerosi progetti per edifici pubblici. Nel 2015 il Maxxi di Roma gli dedica una grande antologica, preceduta dalle più recenti mostre personali a: Museion, Bolzano (2015), Musée d’art moderne et contemporain, Saint-Étienne (2012), Galleria degli Uffizi, Firenze (2010), Palazzo della Triennale, Milano (2006), Altes Museum, Berlino (2005), Mamco, Ginevra (1999) e Lenbachhaus, München (1991). Le sue opere sono presentate in oltre trecento tra musei e gallerie e fanno parte di collezioni internazionali come: Fondazione Peggy Guggenheim, Venezia; Städtische Galerie im Lenbachhaus, München; Berliner Museen, Berlino; Kunstsammlung des Deutscheb Bundestages, Berlino; Museum of Fine Arts, Boston; The Parkview Museum, Singapore; Cnap, Centre National des Arts Plastiques, Parigi & Metz; Maxxi, Roma.

Tra le collettive in istituzioni degli ultimi anni: MAMAC, Nizza (2018), The Parkview Museum, Singapore (2017), MAMCO, Ginevra (2017), Neue Galerie, Graz (2016), Kunsthalle di Vienna (2015), Kiasma, Helsinki (2014), Aros Kunstmuseum, Aarhus (2013), La Maison Rouge Parigi, Museum of Contemporary Art, Shanghai e Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid (2010). Maurizio Nannucci è più volte invitato alle Biennali d’Arte e di Architettura di Venezia (2011, 2000, 1995, 1990, 1978, 1969), a Documenta di Kassel (1987, 1977), alle Biennali di San Paolo (1981), Sydney (1990, 1982), Istanbul (1995) e Valencia (2003). La prima mostra personale alla Galleria Fumagalli di Bergamo dedicata a Maurizio Nannucci dal titolo “Neon Words” inaugura nel 2005. Nel 2011 espone nella mostra da lui concepita “ACMN. Giovanni Anselmo, Enrico Castellani, Maurizio Mochetti e Maurizio Nannucci”, di cui è stato pubblicato il catalogo nel 2018. È del 2017 la sua seconda personale alla Galleria Fumagalli, “What to see what not to see”, nel nuovo spazio espositivo di Milano.

Visualizza curriculum →

Opere

Maurizio Nannucci, Blue, 1970. Neon in pasta blu, tempera acrilica su tela montata su pannello di legno, 150x150x8 cm
Maurizio Nannucci, Blue, 1970
Neon in pasta blu, tempera acrilica su tela montata su pannello di legno, 150x150x8 cm
Maurizio Nannucci, Shock, 2005. Neon, 200x490 cm
Maurizio Nannucci, Shock, 2005
Neon, 200x490 cm
Maurizio Nannucci, Trace of time and space, 2006. Neon, 246,5x222 cm
Maurizio Nannucci, Trace of time and space, 2006
Neon, 246,5x222 cm
Maurizio Nannucci, What to See what not to See, 2017. Neon, 310x160x5 cm
Maurizio Nannucci, What to see what not to see, 2017
Neon, 310x160x5 cm
Maurizio Nannucci, What to Say what not to Say, 2017. Neon, 310x160x5 cm
Maurizio Nannucci, What to say what not to say, 2017
Neon, 310x160x5 cm
Maurizio Nannucci, What to Feel what not to Feel, 2017. Neon, 310x170x5 cm
Maurizio Nannucci, What to feel what not to feel, 2017
Neon, 310x170x5 cm
Maurizio Nannucci, What to Hear what not to Hear, 2017. Neon, 310x170x5 cm
Maurizio Nannucci, What to hear what not to hear, 2017
Neon, 310x170x5 cm
Maurizio Nannucci, What to See what not to See, 2017. Neon, 12x160 cm
Maurizio Nannucci, What to see what not to see, 2017
Neon, 17x170 cm
Maurizio Nannucci, What to See what not to See, 2017. Neon, 12x160 cm
Maurizio Nannucci, Dattilogramma (, 1964
Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm
Maurizio Nannucci, What to See what not to See, 2017. Neon, 12x160 cm
Maurizio Nannucci, Dattilogramma =, 1964
Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm
Maurizio Nannucci, What to See what not to See, 2017. Neon, 12x160 cm
Maurizio Nannucci, Dattilogramma o, 1965
Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Opere

Maurizio Nannucci, Blue, 1970. Neon in pasta blu, tempera acrilica su tela montata su pannello di legno, 150x150x8 cm

Maurizio Nannucci, Blue, 1970. Neon in pasta blu, tempera acrilica su tela montata su pannello di le

Maurizio Nannucci, Shock, 2005. Neon, 200×490 cm

Maurizio Nannucci, Shock, 2005. Neon, 200×490 cm

Maurizio Nannucci, Trace of time and space, 2006. Neon, 246,5×222 cm

Maurizio Nannucci, Trace of time and space, 2006. Neon, 246,5×222 cm

Maurizio Nannucci, What to see what not to see, 2017. Neon, 310x160x5 cm

Maurizio Nannucci, What to see what not to see, 2017. Neon, 310x160x5 cm

Maurizio Nannucci, What to say what not to say, 2017. Neon, 310x160x5 cm

Maurizio Nannucci, What to say what not to say, 2017. Neon, 310x160x5 cm

Maurizio Nannucci, What to feel what not to feel, 2017. Neon, 310x170x5 cm

Maurizio Nannucci, What to feel what not to feel, 2017. Neon, 310x170x5 cm

Maurizio Nannucci, What to hear what not to hear, 2017. Neon, 310x170x5 cm

Maurizio Nannucci, What to hear what not to hear, 2017. Neon, 310x170x5 cm

Maurizio Nannucci, What to see what not to see, 2017. Neon, 12×160 cm

Maurizio Nannucci, What to see what not to see, 2017. Neon, 12×160 cm

Maurizio Nannucci, Dattilogramma (, 1964. Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Maurizio Nannucci, Dattilogramma (, 1964. Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Maurizio Nannucci, Dattilogramma =, 1964. Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Maurizio Nannucci, Dattilogramma =, 1964. Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Maurizio Nannucci, Dattilogramma o, 1965. Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Maurizio Nannucci, Dattilogramma o, 1965. Testo dattiloscritto su carta, 31,5x22,5x1,7 cm

Press

la Repubblica

2 settembre 2018
“Maurizio Nannucci”

Leggi Articolo  →

LUCE

Settembre 2017
“I luoghi del pensiero di Maurizio Nannucci”

Leggi Articolo  →

DOMUS

Luglio/agosto 2016
“All art has been contemporary”

Leggi Articolo  →

DOMUS

Giugno/luglio 2015
“And what about the truth”

Leggi Articolo  →

Press

la Repubblica

2 settembre 2018
“Maurizio Nannucci”

Leggi Articolo  →

LUCE

Settembre 2017
“I luoghi del pensiero di Maurizio Nannucci”

Leggi Articolo  →

DOMUS

Luglio/agosto 2016
“All art has been contemporary”

Leggi Articolo  →

DOMUS

Giugno/luglio 2015
“And what about the truth”

Leggi Articolo  →

Mostre

MOSTRE PERSONALI

MAURIZIO NANNUCCI
What to see what not to see

Inaugurazione 3 maggio 2017
Dal 4 maggio al 22 luglio 2017

Vai a mostra  →

MAURIZIO NANNUCCI
Neon Words

Inaugurazione 26 febbraio 2005
Dal 1 marzo al 20 aprile 2005

Vai a mostra  →

MOSTRE COLLETTIVE

ACMN – Anselmo, Castellani, Mocchetti, Nannucci

Inaugurazione 28 maggio 2011
Dal 31 maggio al 8 ottobre 2011

Vai a mostra  →

Visioni. 20 artisti a Sant’Agostino

Inaugurazione 8 aprile 2005
Dal 9 aprile all’11 giugno 2005

Vai a mostra  →

AAVV: 30

Inaugurazione 27 novembre 2004
Dal 30 novembre 2004 al 30 gennaio 2005

Vai a mostra  →

Mostre

MOSTRE PERSONALI

MAURIZIO NANNUCCI
What to see what not to see

Inaugurazione 3 maggio 2017
Dal 4 maggio al 22 luglio 2017

Vai a mostra  →

MAURIZIO NANNUCCI
Neon Words

Inaugurazione 26 febbraio 2005
Dal 1 marzo al 20 aprile 2005

Vai a mostra  →

MOSTRE COLLETTIVE

ACMN – Anselmo, Castellani, Mocchetti, Nannucci

Inaugurazione 28 maggio 2011
Dal 31 maggio al 8 ottobre 2011

Vai a mostra  →

Visioni. 20 artisti a Sant’Agostino

Inaugurazione 8 aprile 2005
Dal 9 aprile all’11 giugno 2005

Vai a mostra  →

AAVV: 30

Inaugurazione 27 novembre 2004
Dal 30 novembre 2004 al 30 gennaio 2005

Vai a mostra  →

Istituzioni

Maurizio Nannucci

Time, past, present and future, Complesso Monumentale della Pilotta, Parma, 2019. Supported by Italian Council (2018)

Maurizio Nannucci

More than meets the eye, MAXXI Roma, 2015. Foto Musacchio&Ianniello

Maurizio Nannucci

Something happened, Villa Medicea La Magia, Quarrata, 2009

Maurizio Nannucci

All art has been contemporary, Altes Museum Berlin, 2005

Maurizio Nannucci

Blauer Ring, Library of German Parliament, Berlin, 2003

Maurizio Nannucci

Changing place changing time changing thoughts changing future, Peggy Guggenheim Collection, Venezia, 2003

Istituzioni

Maurizio Nannucci

Time, past, present and future, Complesso Monumentale della Pilotta, Parma, 2019. Supported by Italian Council (2018)

Maurizio Nannucci

More than meets the eye, MAXXI Roma, 2015. Foto Musacchio&Ianniello

Maurizio Nannucci

Something happened, Villa Medicea La Magia, Quarrata, 2009

Maurizio Nannucci

All art has been contemporary, Altes Museum Berlin, 2005

Maurizio Nannucci

Blauer Ring, Library of German Parliament, Berlin, 2003

Maurizio Nannucci

Changing place changing time changing thoughts changing future, Peggy Guggenheim Collection, Venezia, 2003

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Reply